Ven21072017

Ultimo aggiornamento02:45:57 PM

News:

Back Sei qui: Home Poesia 2.0 Campo Marzio

Poesia 2.0

Campo Marzio

file 0

Fuga ogn'illusione antelucano
oniriche moine l'aurora dilegua,
la luna porta seco il tuo candore
albeggia il dì e mi ruba l'amore.

Al Campo Marzio eravamo
sul far della sera mano nella mano,
l'aureo tuo sembiante offuscava
l'acqua fulva tiberina,
raggiavano i tuoi occhi a guisa di stella
d'Aglaia, Eufrosine e Talìa era più bella.

Movenze avevi leggiadre
era la tua bellezza celestiale,
grazia e fascino elargivi a iosa
pure Afrodite parea gelosa.

Ma il sogno repente svanisce
e l'idillio mellifluo finisce,
non mi resta che il platonico web
e la vaga speme d'un corrisposto affetto
pur conscio che m'è avverso il destino ".

Copyright © Francesco Pilieci