Mar16072019

Ultimo aggiornamento03:43:26 PM

News:

Back Sei qui: Home Cultura Ode Marittima di Fernando Pessoa

Cultura

Ode Marittima di Fernando Pessoa

Ode-Marittima

Quasi un trip iniziatico che, prendendoci per mano, non si risparmia nessuna scaltrezza linguistica per guidarci con autentica emozione tra le diverse stazioni di un'esaltante via crucis: dalle mirabolanti e pericolose avventure di feroci pirati-riassunti alle loro vittime-sintesi, dove tutto e il contrario di tutto diviene possibile. Essere un saccheggiatore e al tempo stesso la vittima bambina di quel saccheggiatore. Tutto il Bene e il Male. Il Sogno e la Realtà. Tutto e tutto insieme. Con voce talora seducente e dai forti accenti epici.


Con l'Ode marittima, scritta nel 1915, preannunciamo le celebrazioni della Guerra 15-18, con la partecipazione straordinaria deitammurrianti e le tammorredella "Paranza" diRomeo Barbaro in collaborazione con i giovani tammorrari della S.M.S "Criscuolo" di Pagani (SA) diretti da Franco Cardaropoli e un Coro di bambinia cura della Prof.ssa Laura Curtale. E per finire, inviteranno il pubblico ad aprire le danze della festa dionisiaca i danzatori del gruppo musicale ETNOMUT di Giovanni Tribuzio e della COMPAGNIA SCIARABBALLO di Antonella Potenziani, musiche e danze del Centro Sud Italia (pizzica, tarante e tarantelle).
Il mare futurista e l'abito della sirena sono opera del pittore Giancarlino Benedetti Corcos e di Adelaide Innocenti. Scene: Fabiana Di Marco, costumi: Gianmaria Sposito, foto di scena:Daniele Lanci, riprese: Scenario Studios.

La piazza del MAXXI ospita, con spirito pionieristico,nell'ambito di PLAY withYAP il programma di eventi estivi organizzato in occasione di YAP MAXXI 2014 (Young Architects Program),l'evento LE ROSE DEL PARNASO-kermesse poetica delle arti contemporaneeche,in tre giornate di spettacolo e incontri, vedrà coinvolte tutte le Arti: teatro, musica, danza, canto, cinema, pittura, fotografia.

Progetto di Irma Immacolata Palazzo da un'idea di Cosimo Cinieri, prodotto dall'Associazione CulturaleVAGABONDA BLUe sostenuto dallaFondazione MAXXI, dalla Regione Lazioe dalla Fondazione Roma Arte-Musei.
La manifestazione vuole essere una festa dionisiaca e invita tutta la città a partecipare ai tre appuntamenti.Si parte dal'molo' (il MAXXI, porto della Poesia) il 23 luglio con l'ODEMARITTIMA di F.Pessoa, prima nazionale, e poi, andando di terra in terra sul mare Mediterraneo, il17 settembre si assisterà allo spettacolo ODISSEA MEDITERRANEA, debutto romano, per approdare alla 'spiaggia' il 27 settembre con CANZONE da Petrarca al rap (prima nazionale), ritrovandosi al punto di partenza più ricchi e pronti ad un nuovo viaggio.

L'obiettivo principe della manifestazione LE ROSE DEL PARNASO è quello di declinare nelle sue varie forme la Poesia, perché come suggerisce la Zambrano "la poesia si dà a tutti ed è diversa per ciascuno", con l'intento ambizioso di abbattere quello steccato tra poesia alta e poesia popolare. A moltissimi artisti piacerebbe rivivere una stagione come quella che Yeats inaugurò a Cool Park, luogo mitico della letteratura irlandese. Ancora oggi c'è un albero in quel parco, dove il poeta e tanti altri protagonisti di quel periodo vi incisero i loro nomi: Synge, Joyce, Shaw, Wilde... o come quella parigina del gruppo di Breton.
Un antico detto indiano suggerisce: un soldo per il pane, uno per la rosa. Questo il nostro equilibrio, perché la Poesia non è un'estranea, è vita. E' ovunque, dice Pessoa, perfino nei baffi di un gatto. Legata all'emozione, ogni volta è una nuova esperienza. Per Borges ognuno SA di poesia, sebbene non sappia spiegarlo.

A differenza del filosofo, che deve rimanere lucido e desto –ragionevole-, ci illumina Maria Zambrano, il poeta si ubriaca di vita, si nutre di ombre, piange inconsolabile sull'istante che trascorre, sulla fragile bellezza della sera, non accetta la morte della rosa. E' un catturatore di apparenze. Il filosofo le disdegna, il poeta vi si aggrappa proprio perché le sa periture. Non ammette il dileguare inesorabile della bellezza e questo fa di lui un innamorato della vita, di ogni cosa. La poesia è sempre stata aperta alle cose, e la sua forza è nell'infinita disponibilità al mondo. Nel suo sapersi prendere cura di esso. Ma proprio come un ubriaco (e qui il confine tra Apollo e Dioniso è davvero labile) il poeta parla e non sa quel che dice –la poesia non è ragione, lo sappiamo- sebbene il poeta abbia una sua coscienza, una speciale lucidità. Per lui vivere è delirare, perché nel delirio acquista vita e lucidità; nel delirio la parola germoglia in tutta la sua purezza originaria; la parola, di cui è schiavo. E Sartre ci insegna che le parole sono azioni, possono cambiare la storia.

 

YAP MAXXI 23 luglio ORE 21 Ingresso LIBERO fino a esaurimento posti
Roma- Via Guido Reni, 4a