Mer14112018

Ultimo aggiornamento01:08:00 PM

Back Sei qui: Home Spettacolo Teatro Ostia Antica: Pulcinella e l'imperatore

Spettacolo

Teatro Ostia Antica: Pulcinella e l'imperatore

teatro pulcinella
 Nasce per l' occasione dell'anno augusteo " Pulcinella e l'Imperatore", una farsa per  danza, musica e teatro  che, attraverso la vicenda dell'imperatore Ottaviano Augusto, ripropone i temi  - mai tramontati – dell'anelito di libertà, della ricerca di un'identità che non sia un sortilegio, un destino da compiere, ma una scelta.

Una sorta di dramma giocoso  con  Pulcinella - maschera universale con  la  sua saggezza, l’irriverenza (verso i potenti), lo spirito critico, il grottesco, l’umorismo pungente da una parte e l'Imperatore Ottaviano Augusto ,un "conciliatore" instancabile,  tra tradizione e innovazione, strenuo sostenitore della pace quale condizione necessaria per consentire lo sviluppo e soprattutto il progressivo superamento di ogni stato di crisi ed emergenza. Eppoi la probabile corte augustea con ancelle, concubine, mogli, badanti, figlie gemelle adottate,accanto al mondo militare  e alla casa imperiale fatta di servi, cavallanti, fantesche, cuochi... in contatto con l'improbabile mondo dei defunti tra cui Virgilio ed Epicuro che solo Pulcinella può vedere e dialogare. Sullo sfondo, citata per i suoi paesaggi tra cielo e mare, la residenza imperiale di Pausilypon. 

E' stato necessario affidarsi ad una maschera metastorica, capace di permanere e durare oltre le vicende storiche concrete, per raccontare di un uomo- seppure imperatore - che si pone – solo - di fronte alla storia e la cui vicenda coincide con la moltitudine delle gens dell'impero. Di fronte ai "dilemmi imperiali",  i ragionamenti del personaggio dell' immaginario  per eccellenza: drammaturgico e teatrale, mimico, pantomimico, coreutico e musicale, artistico e letterario, colto e popolare, religioso e profano -  Pulcinella. Maschera che ci consente un'escursione tra mito e storia in cui è possibile – ancora -  fare emergere le contemporaneità , senza nulla concedere ad una improbabile conciliazione beatificante: miserie e nobiltà , oscenità  e sacralità , ossequi ed irriverenze,  schiavitù e libertà, contraffazioni ed autenticità, quotidianità  e lirismi, interdizioni e dialogo, non sono contraddizioni ma il canovaccio che contrassegna e scandisce l'esistenza. Questo racconta Pulcinella... offrendosi come nudo contenitore in cui  epoche  e geografie, gruppi sociali e culture, arti e linguaggi  e umanità diversi hanno saputo e voluto rappresentarsi e specchiarsi. In questa maniera  l'Imperatore accoglie  il suo compito e ruolo di  testimone e artefice di storia e Pulcinella  afferma il suo nesso col reale, ribadendo tra le sue tante verità , quella che gli appartiene più profondamente: d'essere appunto, una zona di confine con l'inconciliabile e il non conoscibile. Quattordici  interpreti in scena tra danzatori, musicisti, cantanti e attori con una storia straordinaria come quella di Augusto Imperatore, riletta e misurata dalla maschera di Pulcinella. 

Teatro Romano di Ostia Antica
giovedì 17 luglio, ore 21.00 "Pulcinella e l'imperatore" 
regia e coreografia AURELIO GATTI
Teatrodanza e con Carlotta Bruni, Monica Camilloni, Tiziana D'Angelo, Gipeto, Rosa Merlino, Virgilio Brancaccio
info: 348.7890213    380.5844086