Ven21072017

Ultimo aggiornamento02:45:57 PM

News:

Back Sei qui: Home Fatti Ragusa: arrestato giovane scafista senegalese

Fatti

Ragusa: arrestato giovane scafista senegalese

Bafuviya Senegal

Lo scafista: “non avevo i soldi e mi sono offerto di condurre il gommone in quanto pescatore; mi hanno pagato poco e sono arrivato in Italia per me andava bene così”.

Un giovane migrante: “io sono stato picchiato più volte, altri sono stati meno fortunati di me, molte persone sono state uccise dai libici che continuamente sparavano all’interno del fabbricato a volte per spaventare ma altre colpivano a morte”.

In gommone il viaggio costa meno, neanche 500$ ma per l’organizzazione il guadagno è sempre alto 45.000 dollari con l’impiego di un gommone di 12 metri ed un motore di bassissimo valore economico.
Salgono a 90 gli scafisti arrestati nel 2014 dalla Squadra Mobile.
La Polizia di Stato ha trasferito stamani più di 300 migranti presenti al  C.P.S.A. di Pozzallo in quanto in questi minuti ne stanno sbarcando 87 da una nave mercantile. 
 
La Polizia di Stato – Squadra Mobile e Servizio Centrale Operativo - ha eseguito il fermo di DAFFA Bafuviya nato in Senegal nel 1994, in quanto responsabile del delitto previsto dagli artt. 416 C.P. e 12  D.Lgs.vo 25.7.1998 nr. 286, ovvero si associava con altri soggetti presenti in Libia al fine trarne ingiusto ed ingente profitto compiendo atti diretti a procurare l'ingresso clandestino nel territorio dello Stato di cittadini extracomunitari. Il delitto è aggravato dal fatto di aver  procurato l’ingresso e la permanenza illegale in Italia di più di 5 persone; perché è stato commesso da più di 3 persone in concorso tra loro; per aver procurato l’ingresso e la permanenza illegale delle persone esponendole a pericolo per la loro vita e incolumità ed inoltre per aver procurato l’ingresso e la permanenza illegale le persone sono state sottoposte a trattamento inumano e degradante.  

Il fermato si è reso responsabile di aver procurato l’ingresso in Italia complessivamente di 90 migranti eludendo i controlli di frontiera, in quanto in modo preordinato chiedeva i soccorsi mettendo in serio pericolo di vita tutti i passeggeri provenienti dal centro africa.