Mer13122017

Ultimo aggiornamento10:26:34 PM

Back Sei qui: Home Roma Per una città accessibile: Design for all in progress

Roma e provincia

Per una città accessibile: Design for all in progress

deisgn for alljpg
Il Consorzio Sociale COIN, in collaborazione con la Fondazione Santa Lucia, presenta il “documento ECA 2013, Design for All in progress”, nella sua versione in Italiano. L’edizione italiana è stata realizzata dal Consorzio Sociale COIN e vanta l’autorevole premessa del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, onorevole Giuliano Poletti. A questa si affianca la presentazione della Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale del MIBACT, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Il documento Design for All è un nuovo metodo di progettazione che, partendo dalle esigenze reali, mette al centro della progettualità la persona, per realizzare, adeguare o gestire spazi e servizi, specie quelli di interesse collettivo, pensando all’accessibilità di tutta la popolazione, dai bambini agli anziani, dai comuni cittadini alle persone con disabilità motoria, sensoriale o di altro tipo.
Il documento ECA 2013. European Concept for Accessibility. Design for All in progress. Dalla teoria alla pratica, è stato realizzato dalla rete europea ECA - European Concept for Accessibility, coordinata dal centro Info Handicap del Lussemburgo.
Presentato ufficialmente a Berlino, alla fine dello scorso anno, oggi questo testo è disponibile in Italiano, Inglese, Tedesco, Serbo e Lituano. Sarà tradotto anche in Spagnolo, Portoghese, Francese, Catalano per un totale di 9 lingue, a testimonianza dell’attenzione internazionale verso questo tema.

Nella dichiarazione di Stoccolma del 2004 il Design for All è definito come il design per la diversità umana, l’inclusione sociale e l’uguaglianza, nel rispetto dei diritti sociali e civili di ogni cittadino di vivere in un ambiente sicuro e sano, di svolgere autonomamente le proprie attività, senza discriminazione. Il documento riporta consigli pratici per l’attuazione di tale metodologia progettuale, inclusiva e d’integrazione, basata su un approccio sistemico e olistico, necessariamente multidisciplinare.
Il documento fa il punto sull’accessibilità, vita indipendente, fruizione degli spazi, città accessibile, piani integrati, casa agevole ed altro attraverso una serie di suggerimenti ed esempi pratici nel panorama europeo, con l’obiettivo di chiarire come mettere in pratica questa filosofia progettuale: come passare cioè dalla teoria alla pratica.
È possibile scaricare liberamente il rapporto dal sito del Consorzio Sociale COIN e www.sociale.it  e dal sito della rete ECA www.eca.lu