Gio20092018

Ultimo aggiornamento03:26:02 PM

Back Sei qui: Home Fatti Cosenza: "debiti fuori bilancio"

Fatti

Cosenza: "debiti fuori bilancio"

Nicola Morra Cosenza
Il M5S deposita una richiesta di accesso agli atti.
 
"Vogliamo vederci chiaro e capire cosa bolle nel pentolone del bilancio comunale a Cosenza, i cittadini hanno diritto di capire quanto l'amministrazione stia tenendo in ordine i conti e darne notizia ai cittadini". Lo dice il portavoce al Senato Nicola Morra che ieri insieme al Meetup di Cosenza ha depositato, presso il comune di Cosenza, una richiesta di accesso agli atti per avere copia del Bilancio consuntivo relativo all'anno 2013 e del Bilancio preventivo relativo all'anno 2014. Inoltre è stata fatta puntuale richiesta per avere un "prospetto sui debiti fuori bilancio con relative coperture".
 
Sembra che nell'ultimo consiglio comunale ci siano state difficoltà tecniche nella stesura del documento riguardante i debiti del comune ed il consiglio sia risultato essere quasi totalmente inutile verificandosi la necessità di un rinvio in quanto "la pratica, parole dell'assessore Vigna, è ancora in fase di valutazione presso gli uffici per l'attività istruttoria".
Gli attivisti cosentini tengono alta l'attenzione sulle attività della giunta, poiché ben consapevoli della critica situazione del bilancio comunale. Poco tempo fa è stato acceso un ulteriore mutuo di circa € 900.000 che non è dato sapere quali spese o debiti andrà a coprire.
 
Il portavoce cinquestelle Morra avverte l'amministrazione: «gli attivisti del MeetUp di Cosenza continueranno con "il fiato sul collo" durante i consigli comunali, l'attuale consiglio dovrà dare spiegazioni su come vengano spesi i soldi dei cosentini e quanto sia grave lo stato di salute in cui versa il bilancio comunale, ci aspettiamo serietà e trasparenza in tempi brevi».
Gli attivisti del MeetUp Cosenza ora attendono di ricevere la documentazione richiesta: "Teniamo gli occhi puntati sul palazzo, continueremo vigilare e soprattutto ad informare e coinvolgere tutti i cittadini perché riacquistino coscienza e consapevolezza".