Ven19102018

Ultimo aggiornamento04:37:48 PM

Back Sei qui: Home Ambiente Auto elettrica: la nuova epoca

Ambiente

Auto elettrica: la nuova epoca

nuova epoca
 
 
La rivoluzione industriale nel XIX secolo e quella dell’elettronica di fine millennio hanno modificato le abitudini ed i modi di vivere delle persone.
L’innovazione tecnologica e quella culturale hanno permesso di aumentare la qualità della vita di ognuno di noi a discapito a volte dell’inquinamento e di scellerate aziende che non seguono le regole per poter lucrare maggiormente sui propri fatturati.
 
Dopo circa 40 anni in cui l’elettronica ha fatto passi da gigante arriva l’epoca delle auto elettriche le quali aumentano le loro vendite in maniera esponenziale. Il 2014 ha visto un aumento del 60% delle vendite in Europa, grazie soprattutto ai Paesi del nord Europa e alla Francia, primo produttore europeo in termini di tempo e quantità di veicoli elettrici.
Ogni produttore (eccetto Fiat) ha ormai nel suo parco macchine un veicolo elettrico o almeno un ibrido (le ibride sono auto che hanno due motori, uno a scoppio e uno elettrico che interviene alle basse velocità), questo fa intendere che a breve ci sarà una vera e propria svolta epocale. Si prevede che entro 5 anni avvenga l’inizio della sostituzione dei veicoli a scoppio con veicoli 100% elettrici o idrogeno, per concludersi definitivamente entro 10 o 15 anni, con previsioni di vendita di 10 milioni di veicoli entro 5 anni. Mentre in Giappone è già avvenuto un cambio epocale, e cioè il numero di centraline per la ricarica elettrica ha superato il numero di pompe di benzina installate, in Italia siamo in ritardo, colpa anche della crisi economica che ci attanaglia, ma iniziano a vedersi nelle nostre strade statali e autostrade cartelli ENI che indicano rifornimenti con ricariche elettriche veloci, quindi il settore è in piena espansione; altre grandi case automobilistiche sottoscrivono accordi con produttori di auto elettriche per unificare i tipi di presa per la ricarica e aumentare la rete distributiva. Tesla ad esempio è un’azienda americana che fabbrica solo auto elettriche tecnologicamente avanzate, con prestazioni spaventose e autonomie che superani i 500 km. Un’altra azienda italo-svizzera ha proposto un “mostro” sportivo da 1090 CV con ben 800 km di autonomia, “limitando” la velocità a 300 Km/h. Questa sportiva debutterà al salone di Ginevra dal 3 al 15 marzo e si chiama Quant F.
 
I governi più sensibili stanno cominciando a capire l’importanza e i vantaggi dei veicoli elettrici, inquinamento quasi zero, il rinnovo di quasi un miliardo di autoveicoli in 15 anni, il ridimensionamento dell’importanza del petrolio e quindi un potere economico che viene sottratto ai paesi arabi e ridistribuito nei paesi occidentali, ma soprattutto la grande svolta nella produzione di ricariche elettriche a costo zero attraverso l’assorbimento dell’energia solare.
Tutto ciò è un passaggio obbligato che semplificherà le nostre abitudini di vita. Anche Apple e Google stanno investendo nel settore auto, la prima con una vera e propria auto elettrica in stile Apple che si chiamerà iCar, Google invece è ormai noto che sta perfezionando il suo veicolo senza guidatore.
Avete mai provato un’auto 100% elettrica? Un maggiore confort, silenziosità assoluta, grande sicurezza, prestazioni eccezionali e naturalmente emissioni zero. E’ ora che lo facciate, ve ne innamorerete e, al prossimo cambio di auto ci farete un pensierino.
Alessandro Polidori