Gio27072017

Ultimo aggiornamento02:45:57 PM

Back Sei qui: Home Viaggi Orvieto: la città del Corpus domini

Viaggi

Orvieto: la città del Corpus domini

orvieto-katedra


Un vero e proprio Festival della spiritualità si svolgerà a Orvieto nel periodo compreso tra la festività della Pasqua e quella del Corpus Domini.
Giunto alla sua terza edizione, si rinnova anche quest'anno il significativo evento La Città del Corpus Domini – Orvieto 2015 Miracolo di bellezza.

Concetto cardine di quest'anno è proprio la bellezza, racchiusa tra le antiche mura della città di Orvieto e individuabile nella dualità cielo/terra, sacro e profano, fondamentale caratteristica della struttura cittadina.
In una città fortemente spirituale dove arte, cultura e bellezza si fondono, trova e consolida le sue fondamenta la manifestazione, nata per condividere con la Città e la comunità cattolica internazionale un momento importante intorno al mistero del Corpus Domini, in una cornice fortemente suggestiva che ci riporta alla fastosità delle grandi feste di piazza medievali.
Anche quest'anno la manifestazione si avvale di un fondamentale e importante sostegno, consolidando il rapporto con la Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto; come dichiara il Presidente Vincenzo Fumi "abbiamo deciso di rinnovare - attraverso la Oacs, società strumentale della Fondazione e grazie al contributo della Banca Popolare di Bari - l'impegno verso il progetto La città del Corpus Domini diretto da Maurizio Panici, per il forte impatto e la forza di aggregazione sociale e cittadina di cui il territorio necessita e si è dimostrato apprezzare anche per le scorse edizioni".

Un grande evento si lega alla manifestazione: il Concerto di Pasqua che vede il grande Zubin Mehta tornare per la settima volta nel Duomo di Orvieto, dove dirigerà I Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino. Il concerto, ripreso in diretta da Rai1, è organizzato come tutti gli altri che lo hanno preceduto dal Progetto Omaggio all'Umbria in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto e dell'Opera del Duomo.

Protagonisti di questa edizione de La città del Corpus Domini saranno grandi personaggi della scena italiana; da Pamela Villoresi interprete, il 9 maggio, di Un castello nel cuore. Teresa d'Avila, progetto nato in occasione del V Centenario della nascita della mistica spagnola e che vedrà il suo debutto il 31 marzo 2015 presso l'Aula Magna del Palazzo della Cancelleria come evento speciale nell'ambito della programmazione del Teatro di Roma. Un allestimento fortemente innovativo e pieno di suggestioni che vuole condurre alla scoperta di una delle figure femminili più significative della storia della Chiesa.

Il 23 maggio Evelina Meghnagi condurrà il pubblico in un viaggio tra le pieghe meno note dell'universo musicale ebraico con il suo concerto Di voce in voce.
Il 30 maggio Amanda Sandrelli sarà protagonista di Oscar e la dama in rosa, tratto dal libro di Eric Emmanuelle Schmitt con la regia di Lorenzo Gioielli; da un piccolo capolavoro della letteratura nasce un monologo di parole e musica.
Il 5 giugno Paola Gassman, Luigi Diberti, Evelina Meghnagi e Sergio Basile daranno voce a I quattro quartetti da Thomas Stearns Eliot; un concertato vocale con musiche originali eseguite dal vivo, in esclusiva, dal M° Paolo Vivaldi.
Un'edizione, questa del 2015, che punta a unire e sviluppare la ricerca del sacro e della bellezza attraverso la musica e la prosa e una ricostruzione fastosa medievale che si esplica, e conclude, nei tre giorni di festa popolare (12 - 13 -14 giugno 2015) con la Partita a Scacchi a personaggi viventi tra la città di Marostica e la città di Orvieto.

"L'Associazione Pro Marostica ha creduto fin da subito nella possibilità di condividere con Orvieto un tratto di cammino, l'occasione del giubileo del miracolo di Bolsena ci ha permesso di conoscere un territorio ricco di storia e di spiritualità, di stringere profondi legami di amicizia e di condividere con Orvieto non solo lo spettacolo della Partita a scacchi a personaggi viventi di Marostica ma anche il profondo legame che ci lega alla nostra città, al nostro territorio, alla nostra storia. Il patto di amicizia sottoscritto dai nostri sindaci lo scorso settembre è solo una tappa di un percorso che potrà portare molto lontano. A nome dell' Associazione Pro Marostica ringrazio Maurizio Panici e il presidente Fumi per la grande opportunità che ci hanno dato, l'opportunità di conoscere e condividere passione, intelligenza e amore per la propria storia".