Mar17102017

Ultimo aggiornamento12:38:54 AM

Back Sei qui: Home Roma Finalmente Plutone: il pianeta nano

Roma e provincia

Finalmente Plutone: il pianeta nano

finalmente-plutone 15
 
Al Planetario di Roma l’esplorazione in diretta del più discusso pianeta nano. 
 
Negli anni ’70 e ’80 il Voyager 2 aveva visitati tutti i pianeti gassosi del sistema solare, mettendo in fila, nella sua eroica cavalcata Giove, Saturno, Urano e Nettuno.
Così, degli storici 9 pianeti ne era rimasto soltanto uno, ancora da esplorare: Plutone.
 
Il suo aspetto è rimasto del tutto ignoto fino a oggi, ma il mistero sta finalmente per essere svelato: dopo 10 anni di volo, la sonda americana New Horizons ha quasi terminato la sua lunga rincorsa a Plutone che, nel frattempo, ha perso il suo rango di pianeta fino ad essere “declassato a pianeta nano”.
Un fatto che ha affascinato tutti, dai più piccoli agli adulti, e che ancora fa discutere gli appassionati di tutto il mondo.
 
Per assistere in diretta allo storico momento in cui saranno visibili per la prima volta le immagini della superficie gelata di Plutone e delle sue cinque lune, il Planetario di Roma propone una serata di avanguardia nell’esplorazione planetaria, ‘FINALMENTE PLUTONE’,  martedì  14 luglio, ore 21.00, a TECHNOTOWN - ludoteca tecnologica scientifica di Roma a Villa Torlonia.
Nel corso dell’appuntamento, tra i più attesi di Astrosummer 2015, gli astronomi Stefano Giovanardi e Gianluca Masi presenteranno le immagini e le notizie provenienti in tempo reale dall’ex pianeta più lontano del sistema solare.
 
Un’occasione straordinaria per ripercorrere la saga del declassamento di Plutone, nel lontano 2006, e risalire l’avvincente storia della sua scoperta, nel remoto 1930.
Attraverso le foto d’epoca e le osservazioni più recenti dei telescopi spaziali, verrà approfondita la storia di un pianeta che non ha nemmeno avuto il tempo di compiere una sola orbita intorno al Sole mentre la nostra opinione sulla sua natura e identità è già cambiata diverse volte.
 
Oltre ai dati in arrivo dallo spazio, sì alzerà lo sguardo verso questo misterioso mondo ghiacciato con l’occhio remoto del Virtual Telescope di Gianluca Masi, per seguire Plutone attraverso il suo movimento tra le stelle del Sagittario.
Spazio anche all’immaginazione per i più piccoli: accompagnati dall’astronomo Gabriele Catanzaro e in contemporanea in un’altra sala, i bambini andranno alla scoperta della missione New Horizons attraverso entusiasmanti animazioni, fino ad immaginare e disegnare il proprio Plutone prima di svelarne il vero volto.