Gio20092018

Ultimo aggiornamento03:26:02 PM

Back Sei qui: Home Roma Civitavecchia, dirigente scout abusava di minorenni

Roma e provincia

Civitavecchia, dirigente scout abusava di minorenni

abuso minorenni

Nella serata del 4 giugno gli Agenti della Polizia di frontiera presso Scalo Marittimo di Civitavecchia diretti dalla Dott.ssa Lorenza Ripamonti hanno arrestato M.M., di 61 anni, dirigente di un’associazione scoutistica di Civitavecchia, per aver compiuto nel tempo e reiteratamente, approfittando della posizione di cui godeva, atti sessuali su ragazze minorenni giovanissime.
 
Tutto parte dalla denuncia sporta pochi mesi orsono da una ragazza ormai ventenne che racconta alla Polizia di come, da quando aveva compiuto appena dieci anni, ha cominciato a subire veri e propri abusi sessuali da parte dell’uomo e di come per sette lunghi anni fatti di angoscia, paura, sensi di colpa, questi atti sessuali siano continuati approfittando di ogni scusa e momento propizio. 
Finché la ragazza ha trovato il coraggio di lasciare gli scouts, di raccontare tutto alla madre e di iniziare, con l’aiuto di una psicologa, un lungo percorso di cura delle sue ferite. 

Gli inquirenti intuita la fondatezza delle accuse hanno quindi iniziato una capillare indagine coordinata dal Sostituto Procuratore Dott.ssa Alessandra d’Amore.
Le audizioni protette di altre ragazzine, in presenza di personale specializzato, ha fatto scoprire che anche un’altra ragazzina, ormai adolescente, è stata oggetto dall’età di otto all’età di dodici anni di palpeggiamenti nelle parti intime. 

Le intercettazioni video ambientali nell’ambiente di lavoro del dirigente scout hanno anche consentito di scoprire che l'arrestato ha continuato ad avere lo stesso comportamento denunciato dalle ragazze nei confronti di un’altra ragazzina di circa 13 anni, atti confermati poi dalla minore agli inquirenti. In occasione dell’ultimo episodio è scattato quindi  per l’uomo l’arresto in flagranza di reato.