Mer27102021

Ultimo aggiornamento07:20:27 PM

Back Sei qui: Home Viaggi Ecologia e responsabilità anche in viaggio

Viaggi

Ecologia e responsabilità anche in viaggio

environmental-protection-683437 640
Cos'è il turismo ecologico
 
L'ecoturismo è un modo diverso di concepire il turismo che comporta preferire luoghi, strutture e comportamenti che rispettino l'ambiente naturale e culturale; significa viaggiare responsabilmente in contesti naturali incontaminati per goderne le bellezze floristiche e faunistiche, favorendo il benessere delle popolazioni locali, con l'impegno di rispettare i luoghi visitati lasciandoli intatti.
Si tratta di un modo ecologico e più stimolante di vivere il turismo, a impatto zero, cioè senza stravolgere gli equilibri naturali e riscoprendo la genuinità dei luoghi che ci ospitano.
Parchi, aree protette, boschi, oasi naturalistiche sono le mete preferite dalle persone che vogliono accrescere la propria consapevolezza ecologica e ricercare il contatto con la natura.
In altre parole, turismo ecologico non significa altro che avere riguardo per l'ambiente in vacanza. Come per tutti i viaggi, anche quelli relativi all'ecoturismo potrebbero necessitare di particolari accortezze, specialmente se si scelgono mete all’insegna della sostenibilità in grandi aree verdi e fuori il territorio nazionale (dove comunque si conoscono le dinamiche in caso di emergenza) come lo Snowdonia National Park in Gran Bretagna, Huanglong Scenic Area in Cina oppure il Volcano National Park alle Hawaii, in particolare per quanto riguarda la questione sanitaria visto che non siamo a conoscenza di come funziona la questione in particolari zone del mondo. A questo proposito potete avvalervi di una polizza sanitaria per l’estero che può esservi utile in situazioni poco felici.
 
 
Comportamenti responsabili in vacanza 
Il turismo ecologico si fonda su una serie di comportamenti volti a salvaguardare l'ambiente; spesso, però, le destinazioni più agognate sono quelle esotiche per raggiungere le quali è necessario utilizzare mezzi di trasporto, come l'aereo, ad elevato impatto ambientale. Si può fare turismo ecologico anche con delle semplici scampagnate lontano dal caos dei centri urbani, le cosiddette "gite fuori porta": l'importante è adottare dei comportamenti appropriati e responsabili come:
- non gettare rifiuti in giro ma riporli negli appositi bidoni;
- utilizzare thermos e borracce anziché bottiglie di plastica;
- usare il più possibile i mezzi pubblici;
- prediligere i prodotti alimentari tipici del luogo;
- scegliere strutture certificate dal marchio Ecolabel, etichetta che garantisce l'offerta di prodotti e servizi a basso impatto ambientale in relazione al risparmio energetico e idrico, allo smaltimento dei rifiuti, e all'alimentazione.
 
La vacanza ecologica, un trend in crescita 
Il trend del turismo ecologico è in continua espansione; in Italia conta ben 100 milioni di presenze all'anno nelle aree protette (10%) dislocate su tutto il territorio nazionale.
Sempre più turisti ricercano il contatto con la natura, la tranquillità, il risparmio economico, la possibilità di praticare sport all'aria aperta (equitazione, mountain bike, trekking, tiro con l'arco, ecc.) e le tradizioni culturali.
Una delle attività preferite dagli ecoturisti italiani è quella di andare alla scoperta delle specialità enogastromiche nostrane: non mancano certo nel nostro paese cantine, cascine, frantoi e agriturismi che rispondano a questo bisogno; proprio questi ultimi, insieme ai bed&breakfast, rappresentano le strutture più apprezzate dai vacanzieri.
Tra gli amanti della vacanza ecologica troviamo soprattutto le famiglie, le gite scolastiche e da non sottovalutare è la massiccia presenza di giovani in età compresa tra i 16 e i 30 anni.
 
In conclusione, la vacanza ecologica permette ai turisti di soddisfare diverse esigenze, dal relax al divertimento, dal benessere fisico derivante dal contatto con la natura alla crescita culturale, consentendo inoltre a chi ci ospita di migliorare la propria situazione economica e a conservare il proprio patrimonio culturale e folkloristico altrimenti a rischio di estinzione.
Davide Gallo