Mar22062021

Ultimo aggiornamento10:31:42 AM

Back Sei qui: Home Cultura Fabio Pop Gismondi

Cultura

Fabio Pop Gismondi

fabio pop


Eccoci di nuovo amici lettori dell'arte da amare sulle pagine on line di free-news.it. Oggi Mario non può partecipare alle nostre discussioni artistiche a causa della chiusura della sua stazione di servizio pertanto senza di noi, sarà l'aiuto gelataio di Franco e insieme prepareranno delle nuove specialità, ve le elenco in ordine sparso...gelato al pecorino, gelato al cioccolato con anduja, gelato alla frutta con scaglie di parmigiano, gelato al pistacchio annaffiato con gazzosa e per finire gelato alla crema con cubetti di mortadella, cercasi volontari per provare e giudicare questi nuovo e sensazionali nuovi gusti, si accettano prenotazioni.Molto bene Mario non c'è e stò discutendo da un ora con Bice e Alice le due vecchiette ribelli per trovare l'artista e l'opera del giorno, con il massimo rispetto per le zitelle ma queste due sono terribili, la contesa è accesa e purtroppo sono in minoranza, insistono che io parli di Claudio Villa, stò cercando di spiegare loro che parliamo di arte e non di musica, quando dal fondo della sala come un tuono qualcuno inveisce.


-Uelà, mi state scocciando con il vostro ciarlume eh!!
Non poteva che essere lei, Giovanna la Milanese con il suo abituale sigaro cubano spento fra le labbra.
-Non siamo mica al mercato dei Dardanelli, se non sapete mettervi d'accordo
chiedete alla Jolanda!
E già la Jolanda di Centocelle! E' una buona idea!
Jolanda soprannominata "Centocelle" per via del suo quartiere di provenienza lavora in una profumeria e la mattina prima di recarsi al lavoro, un pò per gioco un pò per passione, fra cappuccini e caffè espressi racconta di oroscopi e tarocchi, ultimamente si è specializzata nella lettura della palla di vetro che in realtà non è quella classica dei maghi come nei film ma un enorme boccia, il fiasco di vetro senza il rivestimento di paglia, una bella boccia di vetro dove poggiando mani e bocce di petto con lo sguardo incantato, Jolanda intravede a suo dire l'inperscrutabile.
-Jolanda abbiamo bisogno di aiuto!!
-Lavoro, amore, soldi o salute?
-Un artista!
-Un artista ma è difficile!
-Dai prova, aiutaci a trovare la soluzione non riesco più a tenere Bice e Alice.
Cala il silenzio al bar, Gianni prima di portagli il caffè corretto al Mistral mette un cd con musica varia da atmosfera.
-Vedo,vedo, vedo, un tipo con la barba che sembra De Gregori da giovane
sembra che sia un disegnatore confusionario, vi và bene?
-Dai continua.
-Lo chiamano Gabellini e vende cose strane, un "Ciao" a tre ruote, i piatti di
Panatta, bicchieri già bevuti, passamontagna con l'air bag, usa acquarelli
diluiti con il vino e ecoline all'aranciata, i disegni sono belli ma li firma
"Gabellini Picasso"
-Gabellini Picasso? No non è lui!
-Ecco vedo, vedo, vedo un uomo sulla strada.. è contornato di belle donne
semi nude che siano le sue modelle? Lo chiamano Ivano l'artista e stà
contando dei soldi.
-Ma Jolanda dall'aspetto sembra un "Pappa"..non è proprio il caso!!
-Va bene riprovo....vedo, vedo...un P...un Pop...Gismondi..Pop Gismondi Fabio
ecco questo è un vero artista!
-Ma ha la faccia da meccanico del tipo "Signò per il cambio dell'olio e delle
candele damme nà piotta, solo perchè sei te eh!"..ha pure la motocicletta da
fuoristrada, una Yamaha che è più alta di lui.
-Eppure è un grande artista, ecco vedo un sacco di sue opere.
-Beh sì in effetti le sue opere sono molto belle, i colori predominanti sono i gialli
i rossi, i viola, i blu ogni tinta sprizza elettricità, energia vitale Fabio Pop non
smorza la vita la esalta nella sua bellezza fatta a belle tinte mica noia e
sbadigli, Fabio Pop rappresenta la storia fatta di personaggi significativi per
molti sono protagonisti di gesta eroiche colorate da Fabio Pop con i toni
del futuro, le storie personali di gente riportata nella mente di tutti dall'artista
dal tratto veloce, deciso e generoso, tutto con il cuore senza esitazione, Fabio
Pop le rigenera non per gusto retrò o nostalgico ma per mostrare il lato
migliore dell'umanità che non deve lasciata fra le pagine ingiallite dei libri di
storia e l'arte ne è il megafono alimentato a fantasia. Ecco quello è John
Lennon, il formato è circa 100X100 acrilici su carta e sagomato su legno, gli
occhiali dalle lenti tonde, i capelli viola al vento, bavero alzato di dietro sul
collo, mezzo busto che emerge dalla fantasia, solo una pennellata rossa
ricorda la tragedia il resto dei colori materializzano l'immortalità, parole scritte
a mano da Fabio Pop sanno di poesia giovanile e il giallo elettrico sembra
voler far uscire il musicista dalla base lignea per metterti un braccio sulla
spalla e dirti "Amico vieni a cantare di pace con me?".


Pace, pace, pace...una parola così semplice ma così importante..e così con
Fabio Popo Gismondi un artista che ha tante cose da dire con la sua arte usciamo dalla palla di vetro della Jolanda, saremmo curiosi di chiederle altro ma deve andare al lavoro la aspettano profumi, trucchi e rossetti, io porto Bice ed Alice con gatti vari al seguito a prendere un gelato al pecorino da Franco, pensate che anche i gatti ne vanno matti pertanto se volete seguiteci c'è posto per tutti qui in free-news.it anche per oggi Walter Fest e l'arte da amare vi salutano e vi aspettano al prossimo artista ma non può mancare prima di lasciarvi il sottofondo di "All you need is love" Ciaooooo