• Home
  • Fatti
  • Ambiente
  • Diritti
  • Cibo & Benessere
  • Cultura
  • Roma
  • Spettacolo
  • Viaggi
  • Torte & Salati
  • Poesia 2.0

Lun27052024

Ultimo aggiornamento10:44:13 AM

News:

Back Sei qui: Home Cibo & Benessere Apnea ostruttiva notturna: la diagnosi precoce farebbe risparmiare allo Stato 3 miliardi

Cibo & Benessere

Apnea ostruttiva notturna: la diagnosi precoce farebbe risparmiare allo Stato 3 miliardi

Numerose vite umane si potrebbero salvare diagnosticando e curando in tempo la patologia. I dati forniti da ANAS parlano di una responsabilità del 25% degli incidenti stradali causati da colpi di sonno alla guida provocati da apnea ostruttiva notturna

Il 23 settembre si è tenuto a Mormanno (CS) presso l'ospedale Vincenzo Minervini, il congresso intitolato Apnea Ostruttiva Notturna. Patologia sotto-diagnosticata, problematiche cliniche e gestionali. Tre miliardi è la cifra che lo Stato risparmierebbe in spese sanitarie se la patologia che colpisce circa 12milioni di italiani venisse diagnosticata e trattata.
"Si tratta di una problematica che toglie al malato la fase profonda del sonno. Ne consegue una maggiore suscettibilità a malattie cardiache, metaboliche e morte improvvisa" ha dichiarato il dr. Nicola Peccerillo, Cardiologo Pneumologo ed organizzatore del Congresso.
I dati parlano di una patologia sotto-diagnosticata poiché rilevata in soli 500mila dei 12milioni di Italiani che ne sono affetti. Di questi sono 250mila i pazienti trattati con supporto ventilatorio di cui quasi il 100% guarisce completamente. Rilevando a monte il problema, il risparmio in termini economici e di vite umane sarebbe considerevole. I dati forniti da ANAS, infatti, parlano di una responsabilità del 25% degli incidenti stradali causati da colpi di sonno alla guida provocati da apnea ostruttiva notturna.
I campanelli d'allarme nella diagnosi di questa patologia sono il respiro pesante, caratteristica comune nel paziente affetto da obesità, circa l'80% degli individui con apnea ostruttiva; disturbi del sonno, cefalee mattutine, ipersonnia, ipertensione, diabete mellito al risveglio.
"Più che al risparmio in termini economici – ha aggiunto il dottore – bisognerebbe guardare al numero di vite umane che si potrebbero salvare diagnosticando e curando in tempo la patologia. Le cifre ci dicono che la strada da fare è ancora molta, l'informazione è il primo importante passo da intraprendere".