Sab03122022

Ultimo aggiornamento02:30:59 PM

News:

Back Sei qui: Home Roma Successo di pubblico al Jazz Cafè per Manhattan Transfer

Roma e provincia

Successo di pubblico al Jazz Cafè per Manhattan Transfer

da sinistra Danilo Maira  e Monsignor Gervais di Totapulchra ed il direttore  artistico Manuel Bosco
da sinistra ospiti associazione Italia Protagonista Cinzia Cerrone
Ciro Califano Poeta con Luigi davino Golaone writerartist intervistati da Freenews

Parte il progetto pilota "Manhattan Transfer" al Jazz cafè a due passi da piazza Navona con arte, musica e cibo in occasione del Carnevale 2022. Aperto gratuitamente a tutti gli amanti di arte e divertimento fino al 20 marzo. Ad accompagnarvi saranno le opere del pittore Cristoforo Russo. Un sodalizio interpretato dal direttore artistico Manuel Bosco, con l'associazione TotaPulchra presieduta dal Monsignor Gervais e Danilo Maira.

 

Nei dipinti esposti per "Manhattan Transfer" e le poesie di Ciro Califano, Cristoforo Russo accoglie le interferenze elettromagnetiche delle opere dei grandi maestri, attraverso la commedia della maschera italiana (Rugantino, Meo Patacca, Pulcinella, arlecchino), le maschere da tutto il mondo ed i supereroi. Esse si incontrano nella dimensione globale, incarnando un'esperienza unica di incontro tra due culture, così lontane ma allo stesso modo così vicine e influenti l'una sull'altra. Il nome del progetto è in omaggio al Maestro romano Renzo Vespignani e l'omonima mostra di dipinti e disegni eseguiti dal 1988 al 1992, durante un suo soggiorno a New York. Qui traeva spunto da Manhattan Transfer, romanzo di John Dos Passos, pubblicato per la prima volta nel 1925, ed in Italia nel 1932 da Corbaccio col titolo Nuova York. Si nutriranno di questa lettura gli stessi musicisti "The Manhattan Transfer", gruppo vocale jazz statunitense fondato nel 1969 da Tim Hauser e Laurel Massé. "La dimensione ludica ha lo scopo di indagare la sfera delle emozioni che tutti noi proviamo fin da piccoli; -ci confessa il pittore Cristoforo Russo- il nostro tentativo è quello di vivere con partecipazione questi giorni del Carnevale allegorico, nella Città Eterna. E' soltanto un'anteprima del prossimo progetto artistico del 7 maggio in piazza del Popolo presso la galleria dei Miracoli".

Lo storico Jazz Cafè di via Zanardelli è più che un semplice locale. Dal 1980 il locale rappresenta un vero e proprio stile di vita, una filosofia, un modo di essere. Una parte della struttura è generosamente messa a disposizione dei numerosi appassionati d'arte: pittori, fotografi, musicisti, attori, trovano residenza per mostrare il loro operato. L'obiettivo è regalare un esperienza unica attraverso arte, musica e cibo, in un atmosfera pervasa di creatività, immaginando il clima dei Caffè letterari che furono. Manuel Bosco direttore artistico ricorda: "In questo periodo credo sia sempre più necessario intercettare le energie positive, dopo ben due anni di difficoltà per l'intero comparto del food and entertainment. La nostra idea è dare spazio al piacere con una stimolazione multisensoriale qui nel pieno centro della Capitale".

Hanno partecipato: il pittore Cristoforo Russo; il poeta Ciro Califano; il writerartist Luigi Davino "Gola1"; la presidenza dell'associazione TotaPulchra Monsignor Gervais e Danilo Maira; la direzione artistico Manuel Bosco e Chiara Miazza;  la giornalista di Free-news Francesca D'Atri; lo staff Manhattan transfer Paola Aleandri e Karina Comanescu.

Tra gli ospiti erano presenti: l'associazione Italia Protagonista Cinzia Cerrone; l'associazione 100 pittori di Via Margutta Antonio Servillo e l'associazione dei Mediatori Interculturali del Lazio con Alexandra Tercero.